HOME
SERVIZI
TARIFFE
PRENOTAZIONI
DOVE SIAMO
CONTATTI
Guida Palermo
Cucina Tradizionale Siciliana
Palermo (circa 7 km dal B&B):
Palermo è una città incantevole ricca di storia e di cultura, un miscela di colori, sapori e tradizioni. I suggestivi monumenti, le bellissime chiese, i maestosi palazzi barocchi ed arabo-normanni, i pittoreschi mercati popolari e il suo affascinante centro storico (tra i più grandi d’Europa) carico di contrasti, richiederanno qualche giorno di visita. Tante e diverse le possibilità offerte dalla città, dalle visite ai numerosi musei alle passeggiate per le vie della città, alle escursioni nel territorio circostante, ai percorsi eno-gastronomici ed al turismo nelle innumerevoli località balneari.

Da visitare:
La magnifica ed imponente Cattedrale con il suo stile composito unico al mondo; il Palazzo Reale o dei Normanni con all’interno la magnifica Cappella Palatina con i suoi splendidi mosaici bizantini; i Quattro canti, antico crocevia in cui si intersecano le vie principali della città vecchia; la piazza Pretoria con la maestosa “fontana della vergogna”; il Castello della Zisa in stile arabeggiante con il suo splendido giardino; il Castello della Cuba; le Catacombe dei Cappuccini, situate all’interno del convento; i magnifici Teatro Massimo e Teatro Politeama e molto altro ancora.

Chiese:
Palermo viene anche detta “La città delle Chiese” proprio per le innumerevoli e bellissime chiese che si trovano in città. Di seguito le chiese più conosciute: La Chiesa di San Giuseppe dei Teatini, accanto ai Quattro Canti, con i suoi meravigliosi interni decorati in stile barocco; la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, di cui si possono ammirare i resti e dove spesso, grazie all’ottima acustica, vengono realizzati concerti di musica classica e moderna; la bellissima Basilica della Magione, situata nell’omonima piazza, con la sua caratteristica forma architettonica; la Chiesa della Martorana e la Chiesa di San Cataldo, si trovano una di fronte l’altra e sono due capolavori dell’arte con i loro decori interni di rara bellezza; la magnifica Chiesa di Santa Caterina con i suoi ricchissimi decori interni con marmi, stucchi, sculture ed affreschi ; la Chiesa del Gesù o anche detta Casa Professa, con i suoi decori interni coloratissimi. Molte altre le chiese da visitare come la Chiesa del Santissimo Salvatore, la Chiesa di San Francesco di Paola, la Chiesa di Santa Maria della Catena, la Chiesa di Santa Cita, la Chiesa di San Domenico con la sua bellissima facciata, la Chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi, la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti e le tante altre magnifiche chiese della città.

Musei:
Il Museo d'Arte Moderna e Contemporanea ospitato a Palazzo Belmonte Riso; la Galleria d’arte moderna Sant’Anna sita nell’omonima piazza; il Museo della Galleria Regionale di Sicilia ospitato nell’incantevole Palazzo Abatellis; il Museo archeologico regionale Antonio Salinas; il Museo Etnografico Siciliano Giuseppe Pitrè; il Museo d'Arte ed Archeologia Ignazio Mormino; il Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino con una ricchissima collezione di pupi e marionette di varie epoche provenienti da tutto il mondo; il Museo del Risorgimento Vittorio Emanuele Orlando; il Museo d’Arte Islamica; il Museo di Palazzo Zino e altro.

Ville e parchi:

Palermo è ricca di splendide ville e giardini in cui rilassarsi facendo delle belle passeggiate in atmosfere davvero uniche.Tra le più importanti annoveriamo il Giardino Botanico e la magnifica Villa Giulia; il delizioso Giardino inglese con di fronte la Villa Trabia; il Villino Florio; la Villa Filippina; il Parco d’Orleans; la Villa Malfitano e molte altre.



Mercati:
Tappa obbligatoria per chi visita la città sono i folcroristici e celebri mercati popolari di Palermo. Il mercato di Ballarò, della Vuccirìa, del Capo e di Borgo Vecchio.

Dintorni:
Nei dintorni di Palermo si possono raggiungere facilmente il bellissimo Parco della Favorita; la celebre località balneare di Mondello con la sua spiaggia incantevole, il borgo marinaro e la vicina Riserva di Capo Gallo; l’Addaura, località balneare incastonata come una pietra preziosa nella incantevole Riserva naturale di Monte Pellegrino; Sferracavallo con le sue belle spiagge e il delizioso borgo di pescatori; Capaci con le sue spiagge attrezzate; l’ Isola delle Femmine con le sue magnifiche spiagge con vista sull’isolotto delle Femmine; il maestoso ed imponente Monte Pellegrino, decantato da Goethe, con in cima l’affascinante Santuario di Santa Rosalia, dedicato alla santa protettrice patrona della città, e il bellissimo “Belvedere” che offre un panorama meraviglioso che si staglia da Palermo fino al Golfo di Mondello.




Cucina tipica (cibo di strada):
Consigliamo vivamente di assaggiare le numerose delizie del tipico fast food siciliano o propriamente detto “mangiare di strada”:

Le “Arancine di riso” sono delle palle di riso, condite “al ragù” con carne e piselli o “al burro” con prosciutto e formaggio, fritte in un corposo bagno d’olio e servite tiepide;

I “Pezzi di rosticceria” siciliani, svariati e numerosissimi, dolci e salati, fritti o al forno, sono la tipica tavola calda siciliana. Tra i più celebri annoveriamo i calzoni ripieni di prosciutto e mozzarella, le pizzette, le ravazzate ripiene di ragù e piselli, gli iris ripieni di crema di ricotta e ricoperti di zucchero, i cartocci ripieni di crema di ricotta, i cornetti, le bombe o Krapfen ripiene di crema di ricotta o crema gialla o crema di cioccolato, le focaccie condite e tanto altro;

Lo “Sfincione”, in dialetto siciliano detto “u’ sfinciuni”, è una pizza spessa ma delicata condita con salsa di pomodoro, formaggio caciocavallo, olio d’oliva, mollica, cipolle ed acciughe;

Il “Pane con la milza”, detto “pani ca’ meusa”, viene servito in un panino con all’interno un misto di milza, polmone e trachea cucinati e conditi con formaggio o ricotta;

Il “Pane con panelle e crocchè”, è un panino con all’interno panelle, realizzate friggendo la farina di ceci, e crocchè o cazzilli realizzate friggendo patate con prezzemolo o a volte con mentuccia;

Il “Pane consato” detto “pani cunzatu”, è un pane condito con sale, olio d’oliva, pomodorini e formaggio a scaglie di caciocavallo, ma che si differezia nei condimenti a seconda della località;

Le “Stigghiola” sono una serpentina d’interiora di vitello intrecciata con i gambi verdi dello scalogno, infilzate in uno spiedo, arrostite sulla brace e condite con sale e limone, una delizia;

La “Quarume” o "Caldume" o “Ziniere o Zinienu”, sono interiora di vitello bollite e si trovano nei mercati popolari come quello del Capo;

Il “Polipo bollito” detto “purpu vugghiutu”, è un piatto semplice composto da polipetti bolliti per molte ore serviti bollenti e conditi con sale e limone.

Per ulteriori informazioni riceverete particolari suggerimenti dal gestore del B&B villa Addaura.

Cucina tipica siciliana:
Alcune delle migliori pietanze, tipiche della cucina siciliana e palermitana, vivamente consigliate sono:

La “Pasta alla norma” è composta da pasta condita con un sugo a base di pomodoro, olio d’oliva , basilico, con aggiunta di melanzane fritte e ricotta salata;

La “Pasta con le sarde” , detta “pasta chi sarde”, è composta da pasta, bucatini o spaghetti, condita con un sugo a base di sarde, mollica, pinoli, finocchietto selvatico ed olio d'oliva;

La “Pasta con acciughe”, detta “pasta c’anciova”, è composta da pasta con salsa di pomodoro soffritta con aglio, passolina, pinoli e acciughe ridotte in poltiglia, il tutto viene ricoperto di pangrattato tostato. Si sente il piacevole contrasto del dolce pangrattatto tostato con le acciughe dal sapore forte;

La “Pasta con i broccoli”, detta “pasta chi sparaciddati”, è un piatto tipico palermitano composto da spaghetti conditi con un sugo a base di broccoletti, filetti di sarde, aglio, peperoncino, formaggio caciocavallo o pecorino semi-stagionato grattugiato ed olio extravergine d’oliva, una delizia per il palato;

La “Pasta con i tenerumi”, detta “pasta chi tenerumi”, è un piatto tipicamente estivo ed è composto da una zuppa con spaghetti spezzettati in piccoli pezzi, foglie tenere della pianta delle zucchine, polpa di pomodoro a pezzi, aglio, basilico, olio d'oliva e sale;

La “Pasta al pesto di pistacchi”è un piatto delizioso composto da spaghetti conditi con un sugo a base di pistacchi di Bronte, gherigli di noce, foglie di basilico, parmigiano grattugiato, sale, pepe ed olio d’oliva;

Gli “Anelletti al forno” sono un must della cucina palermitana, il piatto è composto da pasta, rigorosamente anelletti, tritato di carne mista, pomodoro, cipolla, carote, sedano, piselli, parmigiano grattugiato, prezzemolo e alloro. Il tutto viene cotto al forno e servito a porzioni, ultra consigliato;

La “Pasta al nero di seppia”è una gustosissima pietanza a base di bucatini o linguine conditi con un sugo a base di pomodoro, nero di seppia, aglio e prezzemolo;

La “Pasta con i ricci di mare”, è una pietanza saporita composta da spaghetti conditi con un sugo a base di ricci di mare, aglio, olio extravergine d’oliva, sale, pepe e prezzemolo;


Le “Sarde a beccafico” sono una prelibatezza della cucina nostrana e sono composte da filetti di sarde arrotolati con all’interno un ripieno di mollica, formaggio, uova, pinoli, passoline e prezzemolo;

La “Parmigiana” è un piatto unico, una vera e propria sinfonia di sapori. Il piatto è composto da melanzane, pomodoro fresco, cipolla, caciocavallo, pecorino e basilico fresco. Il tutto viene preparato al forno e servito caldo, gustosissima;

Gli “Spiedini di carne” fanno parte della tradizione palermitana e sono composti da fettine di carne avvolte con all’interno pangrattato, caciocavallo, pinoli e passoline. Vengono infilzate in uno spiedino insieme alla cipolla e l’alloro, coperti dalla mollica ed arrostiti alla griglia o al forno;

Gli ”Involtini di pesce spada” rappresentano uno dei secondi più diffusi in Sicilia. Vengono preparati arrotolando filetti di pesce spada con all’interno pangrattato con sarde salate tritate, pinoli, passoline, prezzemolo e caciocavallo, il tutto viene messo in forno e servito caldo.

Sono molte altre le pietanze tipiche della cucina siciliana che potete assaporare in uno dei tanti ristoranti o taverne di Palermo. Vi suggeriremo i migliori ristoranti in cui poter gustare tutto il meglio che la nostra gastronomia ha da offrire.

Pasticceria siciliana:
Elenchiamo solo alcune delle più famose prelibatezze della pasticceria tipica siciliana:

Il “Cannolo siciliano” è uno tra i dolci più rappresentativi della Sicilia, viene servito freddo ed è composto da un cannolo ripieno di crema di ricotta, rigorosamente di pecora e freschissima, gocce di cioccolato fondente, con alle estremità adagiate due ciliegine candite e una fettina di buccia d’arancia candita, oppure vengono ricoperti con una graniglia di pistacchi di Bronte;

La “Cassata” è la torta tradizionale siciliana e merita il posto d’onore tra i dolci palermitani. La torta è composta da strati di pasta reale e ricotta di pecora fresca, gocce di cioccolato fondente, il tutto ricoperto da una glassa di zucchero e decorato con vari tipi frutta candita;

Le “Cassatelle” dette “cassateddi”, da non confondere con le cassate siciliane, sono dolci tipici della provincia di trapani, e si preparano imbottendo delle sfoglie di grano con crema di ricotta e cioccolato fondente a gocce, il tutto viene avvolto nella sfoglia, fritto e servito caldo con sopra lo zucchero a velo;

La “Torta Setteveli” è una vera delizia composta da sette strati di croccante al cioccolato, bavarese alla nocciola, bavarese al cioccolato fondente e pan di spagna al cacao, tutto avvolto da una glassa di cioccolato;

La “Torta Setteveli al pistacchio” è composta da strati di croccante al cioccolato, bavarese alla nocciola, bavarese al cioccolato fondente e al pistacchio, pan di spagna al cacao, il tutto avvolto da una glassa al pistacchio;

La “Frutta Martorana” sono dei dolcetti a forma di frutta, artisticamente colorata, a base di farina di mandorla e zucchero;

Il “Gelo di mellone” è un’altra delle delizie della tradizionale pasticceria siciliana. Il dolce è composto da una crostatina colma di gelo di anguria con sopra gocce di cioccolato, granella di pistacchi di Bronte, vaniglia e come decorazione fiori di gelsomino adagiati sopra;

Il “Diplomatico” è un dolce buonissimo di antica tradizione composto da pasta sfoglia, crema di ricotta, cioccolato fondente a gocce, pan di spagna e zucchero a velo, il tutto viene steso a strati e cosparso con un velo di zucchero;

La “Sfincia di San Giuseppe” è un dolce composto da una pasta estremamente soffice ripiena di crema di ricotta e gocce di cioccolato fondente, decorata con frutta candita (una scorzetta d’arancia e una di ciliegia) e spolverata con granella di pistacchio;

La “Sfincia”, da non confondere con la sfincia di San Giuseppe, viene preparata imbottendo delle sfoglie di grano con crema di ricotta il tutto viene avvolto nella sfoglia, fritto e servito caldo con sopra lo zucchero a velo;

Il “Buccellato”, detto “cucciddatu”, consiste in un ciambellone ripieno di una pasta di fichi secchi, mandorle, noci, nocciole e pistacchi.

Sono numerosissimi i dolci tipici della tradizione siciliana, vi suggeriremo le migliori pasticcerie in cui recarvi per assaporare ogni genere di delizia.
Torna su